Politica cosa privata

Politica cosa privata Proprietà assoluta e fine del costituzionalismo

Queste lezioni cercano di leggere le tendenze della politica in connessione con le trasformazioni della proprietà. L’antico volto del potere legato al possesso, riemerge nella capacità delle imprese e della finanza di determinare gli eventi politici fondamentali. La possibilità per i poteri forti dell’economia di orientare la legislazione, facendo del sistema politico una variabile del tutto subalterna alle esigenze del profitto, è ormai un processo senza antidoti. Manca una potenza sociale legata al lavoro che sia in grado di contrastare gli appetiti del denaro e di mantenere la parvenza di una sfera pubblica autonoma dal calcolo privatistico. I rapporti di proprietà si confermano come la radice dei fenomeni politici e giuridici, anche se una cattiva saggezza della postmodernità preferisce rimuovere gli interessi reali che operano dietro una politica ridotta a narrazione insignificante.

Michele Prospero

ISBN 9788862572286
135x210 mm − 114 pp.

€ 10.00 € 12.50

Altri volumi della stessa collana "Una economia per l'uomo"

La crisi che non passa

Vincenzo Comito

€ 10.00

Acquista Ora

La rivolta delle risorse umane

Roberto Mancini

€ 13.50

Acquista Ora

La chiesa dei poveri.

Bettazzi, Luigi

€ 12.00

Acquista Ora

Fonti del bene comune

Genghini, Nevio

€ 9.5 € 11.00

Acquista Ora