SIMONE WEIL

SIMONE WEIL Obbedire alla morte, per salvarsi dalla sventura.

I due momenti centrali della vita di Simone Weil – lo scontro con la desolazione umana in fabbrica e l’incontro con la fede – sono riletti grazie a una categoria interpretativa cara alla stessa filosofa, che funge poi da filo conduttore di tutta la sua vita: l’obbedienza alla morte. Non già l’evento o momento della morte, ma l’obbedienza. Non il morire come atto che accade, ma l’atteggiamento che impegna il cuore e la mente a cercare, nel dispiegarsi dei giorni, la soluzione dell’esistenza. In questo breve lavoro sono messi in luce i due approdi finali: la soluzione orizzontale di obbedire alla morte in fabbrica in mezzo ai lavoratori, e la soluzione verticale di obbedire al Dio degli schiavi, ma mai dei disperati.

EMANUELE SPAGNOLO

ISBN 9788862573221
120x170 mm − 80 pp.

€ 12.00

Altri volumi della stessa collana "Al di là del detto"

Leggere e interpretare i grandi testi e temi dell’umanità - soprattutto quelli ebraico-cristiani, patristici, dogmatici, agiografici, teologici, filosofici, poetici e letterari - significa scavarli come pozzi, perforarli come roccia, per portare allo scoperto il non detto che celano, il loro dire ancora oggi.

WALTER BENJAMIN

Di MARCO VINCENZO ; DI DOMENICO BIANCAMARIA

€ 12.00

Acquista Ora

IGNAZIO SILONE

COSIMO POSI

€ 13.00

Acquista Ora

La compassione del samaritano

Giorgio Pantanella

€ 12,00

Acquista Ora

FËDOR DOSTOEVSKIJ

Alberto Bosi

€ 13.50

Acquista Ora